Tu sei qui

Pane con senape e birra scura

Home > Blog > Pane con senape e birra scura
Pane con senape e birra scura

Il risultato di questa ricetta sarà un pane dalla crosta dorata e croccante, soffice e soprattutto molto gustoso grazie all'aggiunta della senape e della birra scura. Per questa preparazione utilizziamo una farina ricca di cereali e macinata a pietra che sposa benissimo con questi ingredienti rustici. Un pane da gustare senza bisogno d'altro, o da portare a tavola con qualunque pietanza, se poi volete assaggiarlo con un filo di buon olio extravergine, allora non servirà altro. I vostri ospiti gradiranno sicuramente la vostra originalità.

Ingredienti

400 grammi di farina multicereali
100 grammi di lievito madre
200 millilitri di birra
45/50 millilitri di acqua circa
25 grammi di senape forte
10 grammi di sale
olio extravergine d'oliva per la ciotola
farina di grano duro per infarinare il pane

Procedimento

Versate la farina multicereali e il lievito madre nell'impastatrice, o in una ciotola se impastate a mano. Versate la birra a temperatura ambiente, ma fatelo poco alla volta, in modo da farle assorbire
lentamente e da non formare grumi. Una volta che l'impasto avrà assorbito tutta la birra continuate a lavorarlo fino ad incordarsi completamente, aggiungete anche la senape, il sale e l'acqua,
valutate la quantità di acqua che può assorbire, può variare leggermente in base al tipo di farina utilizzata (l'impasto deve risultare morbido ma non appiccicoso).
Mettete l'impasto in una ciotola unta con un filo d'olio con coperchio o pellicola trasparente, lasciatelo lievitare per una notte in frigorifero, tiratelo fuori la mattina, fatelo lievitare per 5/6 ore o comunque fino a raddoppiare di volume.
Una volta lievitato prendete il vostro impasto, adagiatelo su un piano da lavoro, date le pieghe e procedete con la pirlatura, date la forma che desiderate, in questo caso è un pane dalla forma leggermente allungata, infarinatelo bene e mettetelo a lievitare di nuovo per due, tre ore, avvolto da un panno di cotone o coperto con pellicola.
Allo scadere del tempo il pane risulterà raddoppiato di volume, infarinatelo ancora (se vi piace il pane intagliato praticate dei tagli diagonali in superficie con un coltello o una lama affilata) infornatelo a 250° e fatelo cuocere per 15 minuti, poi abbassate il forno a 200° e fatelo cuocere per altri 10/15 minuti, i tempi possono variare in base al forno o agli "strumenti" utilizzati, se su pietra refrattaria la cottura si riduce di almeno 5 minuti.
Lasciate raffreddare il pane su una griglia o poggiato in piedi su una parete, da freddo si riesce a tagliarlo meglio, ma per gli appassionati del pane caldo appena sfornato, meglio una fetta calda che appena sfornata ha tutta la croccantezza della crosta a dir poco irresistibile.
Portatelo a tavola con formaggi, carne o pesce o più semplicemente assaporatelo con un filo di buon olio extravergine, ottimo in ogni caso e in qualunque occasione.

In collaborazione con:

Michela Carta, Foodblogger, foodphotographer, titolare del blog Dolce e Salato di Miky. "Amo qualunque tipo di cucina, mi piace parlare delle ricette tipiche e trovarne la loro storia, mi affascinano in modo particolare i lievitati".